La Quaresima è tempo di preghiera, di silenzio e di ascesi, ma renderemmo vane queste attività dello spirito se ci allontanassimo da coloro con i quali condividiamo normalmente la nostra giornata. La liturgia odierna ci viene incontro, ponendoci davanti al giudizio ultimo, inappellabile, nel quale saremo valutati sui nostri gesti di sensibilità nei confronti degli altri.

“Avevo fame e mi avete dato da mangiare; ho avuto sete e mi avete dato da bere”. L’uomo deve imitare, nel suo comportamento verso gli altri, l’amore di Dio. Non si tratta solo di una buona opera o di qualche cosa che noi facciamo in modo eccezionale. Il discorso di Gesù è molto più ampio. Sullo sfondo c’è il Regno di Dio verso il quale la storia cammina… la nostra storia sacra.

Il Cristo “da amare e servire” lo incontriamo nel fatto concreto, quotidiano, così come si presenta, non in modo accomodato, non altrove. Da quando è divenuto uomo, si è fatto nostro fratello, uomo come noi e bisognoso come noi, non c’è altro modo di raggiungerlo e di amarlo. “Ogni volta che avete fatto queste cose ai miei fratelli, l’avete fatto a me”. Il nostro agire raggiunge una valenza religiosa, di santità, non per quello che facciamo ma per volere di Cristo che accoglie per sé i nostri poveri gesti, compiuti nel servizio fraterno.