M

Camminare per il cristiano significa anche «andare oltre le difficoltà».

Paolo e Barnaba ad Antiochia di Pisìdia vedendo che gli ebrei non li seguivano «sono andati ai pagani: avanti!». Del resto anche Gesù alle nozze di Cana «ha fatto così, è andato avanti: gli invitati non sono venuti; tutti hanno trovato un motivo per non andare. Cosa dice Gesù, non facciamo la festa? No! Andate all’incrocio dei cammini, delle strade e invitate tutti, buoni e cattivi. Così dice il Vangelo. Ma anche i cattivi? Anche i cattivi! Tutti! Il cristiano cammina, se ci sono difficoltà va oltre per annunciare che il Regno di Dio è vicino».

Secondo aspetto dell’identità del cristiano è che «deve rimanere sempre agnello. Una vecchia antifona pasquale ci fa cantare: “Questi sono gli agnelli nuovi, battezzati”».

«Il cristiano è un agnello e deve conservare questa identità di agnello: “andate, ecco vi mando come agnelli in mezzo ai lupi”». Davide, ha ricordato, non ha accettato le armature che gli erano state offerte per lottare contro il filisteo: non avrebbe potuto muoversi, non sarebbe stato «se stesso, l’umile, il semplice Davide. Alla fine ha preso la fionda e ha vinto la battaglia». Bisogna dunque restare agnelli e «non diventare lupi, perché alle volte la tentazione ci fa pensare: “Questo è difficile, questi lupi sono furbi e anche io sarò più furbo di loro!”». Dunque restare «agnello, non scemo; ma agnello. Agnello, con l’astuzia cristiana, ma sempre agnello. Perché se tu sei agnello Lui ti difende. Ma se ti senti forte come il lupo Lui non ti difende, ti lascia solo. E i lupi ti mangeranno crudo».

«Qual è  lo stile del cristiano in questo camminare come agnello?» . «La gioia»,  «Isaia  ci dice nel suo Libro: come sono belli sui monti i piedi del messaggero che annuncia pace, di quello che viene a dirci che il Signore è il re. Sono persone che esultano perché conoscono il Signore e portano il Signore».  «La gioia è lo stile del cristiano. Non può camminare il cristiano senza gioia. Non si può camminare come agnelli senza gioia». Un atteggiamento che va mantenuto sempre, anche di fronte ai problemi, nei momenti di difficoltà, anche «nei propri sbagli e peccati» perché «c’è la gioia di Gesù che sempre perdona e aiuta».

Dunque il Vangelo, deve essere portato nel mondo da questi agnelli che camminano con gioia. «Non fanno un favore al Signore nella Chiesa quei cristiani che hanno un tempo di adagio lamentoso, che vivono sempre così, lamentandosi di tutto, tristi. Questo non è lo stile di un discepolo. Sant’Agostino dice: vai, vai avanti, canta e cammina, con la gioia! E quello è lo stile del cristiano: annunciare il Vangelo con gioia». Invece «la troppa tristezza e anche l’amarezza ci portano a vivere un cosiddetto cristianesimo senza Cristo». Il cristiano non sta mai fermo: è un uomo, una donna che cammina sempre, che va oltre le difficoltà. E lo fa con le sue forze e con gioia. «Il Signore ci conceda la grazia di vivere come cristiani che camminano come agnelli e con gioia».

(Papa Francesco)