Gesù spesso parlava per enigmi, come lui stesso dice alla fine del Vangelo di Giovanni: “Vi ho sempre parlato in parabole”. Enigmi ce ne sono molti nel Vangelo; per esempio, quando Gesù dice: “Distruggete questo tempio e in tre giorni lo ricostruirò” è un enigma, così come lo sono le parole: “Ancora un poco e non mi vedrete, un altro poco e mi vedrete”. Anche nel Vangelo di oggi troviamo un enigma, e precisamente le parole: “Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall’uomo a contaminarlo”. Un enigma non è facile da capire; per questo all’inizio Gesù diceva: “Ascoltatemi tutti e intendete bene”.
Queste parole si potrebbero capire in senso fisico, perché nella legge mosaica c’erano molte impurità rituali, concernenti gli alimenti (“le cose che entrano nell’uomo”). E anche quando qualcuno mangiava senza essersi lavate le mani commetteva una impurità rituale. E’ il caso che vediamo ora nel Vangelo, infatti la discussione era incominciata perché gli Apostoli mangiavano senza essersi prima lavate le mani. Ma c’erano altre impurità, dovute a “cose che escono dall’uomo”, per esempio perdite di sangue e così via. Secondo la legge di Mosè esse contaminano l’uomo. La donna del Vangelo che soffriva perdite di sangue si nascondeva perché non aveva il diritto di toccare le altre persone, per non rendere anch’esse impure. Chi era toccato, prima di partecipare al culto doveva lavarsi e aspettare qualche tempo.
L’enigma di Gesù avrebbe perciò potuto essere capito nel senso che egli dava più importanza alle cose che uscivano dall’uomo che a quelle che si mangiavano o bevevano. Chiaramente Gesù non intendeva questo: egli distingueva l’esterno e l’interno nel senso del fisico e del morale o spirituale. Voleva dire cioè che le cose materiali hanno meno importanza per la purità religiosa.
Fu una vera e propria rivoluzione. Noi siamo talmente abituati che non ci badiamo più, ma fu una rivoluzione, una desacralizzazione. Gesù ci dà l’esempio della cosiddetta secolarizzazione, come si dice oggi, con una parola che a me non piace troppo, perché sembra che le cose non abbiano più rapporto con Dio. Ma nel pensiero di Gesù tutte le cose hanno rapporto con Dio e dovevano tutte essere santificate, ma senza sacralizzarle, cioè senza dare una importanza religiosa sproporzionata a una cosa esteriore, come un cibo, come il lavarsi le mani. Bisognava distinguere l’igiene dalla purità religiosa, una distinzione che per gli antichi non era evidente. Un rapporto tra la pulizia del corpo e il rispetto dovuto a Dio esiste, ma bisogna lasciarlo al livello che gli spetta e non considerarlo così importante da dimenticare altri aspetti, ben più importanti e non così facili da ottenere. Purificare il cuore è più difficile che lavarsi le mani!…
Gesù qui inaugura davvero la rivoluzione religiosa che egli vuol attuare, proclamando che la purezza religiosa non è esterna ma interiore, che si tratta di purificare il cuore, nel significato biblico della parola. E sappiamo che per la Bibbia il cuore comprende non solo gli affetti, ma tutto l’interno dell’uomo: le intenzioni, i desideri, gli atti di volontà e di intelligenza. Gesù dice: “Dal cuore degli uomini escono fornicazioni, furti, adulteri, cupidigie, malvagità… Tutte queste cose cattive vengono fuori dal di dentro e contaminano l’uomo”.
Ringraziamo il Signore di aver dato questa luce ai suoi discepoli e di aver portato agli uomini la libertà dall’oppressione di pratiche religiose vane, donando ad essi il suo Spirito. “Mandi il tuo Spirito e tutto è creato” dice il salmo. Queste parole, che già descrivono la prima creazione, si applicano alla nuova creazione, la creazione dell’uomo nuovo fatto a immagine di Dio.