«Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che tu mi hai dato, perché sono tuoi»
sono le parole di Gesù al Padre nel suo «discorso di congedo», così come è riportato nel Vangelo
di Giovanni (17, 1-11). Ma la liturgia ci presenta nella prima lettura
anche un altro «discorso di congedo»: da Mileto san Paolo manda a chiamare a Efeso gli anziani
della Chiesa per congedarsi, secondo quanto riferiscono gli Atti degli apostoli (20, 17-27).
San Paolo dice loro di non conoscere la sua destinazione: «So soltanto — afferma — che lo
Spirito Santo, di città in città, mi attesta che mi attendono catene e tribolazioni». Il racconto
prosegue con la notizia che «tutti scoppiarono in un gran pianto e gettandosi al collo di Paolo lo
baciavano, addolorati soprattutto perché aveva detto che non avrebbero più rivisto il suo volto. E
lo accompagnarono fino alla nave». Paolo, però, li incoraggia ad andare avanti, a predicare il
Vangelo, a non stancarsi.
Anche quello di Gesù è «un discorso di congedo, prima di andare al
Getsemani e cominciare la passione». E «i discepoli sono tristi» per questo. Ma «c’è una piccola
frase del congedo di Gesù che fa pensare» . Gesù, infatti «parla con il Padre, in
questo discorso, e dice: “Io prego per loro”». Dunque «Gesù prega per noi». Un fatto che potrebbe
apparire «un po’ strano», perché «noi pensiamo che è giusto pregare Gesù e Gesù ci dà la grazia.
Ma Gesù prega per noi! Gesù che prega, Gesù l’uomo-Dio che prega! E prega per noi: prega per
me, prega per te per ognuno di noi».
In realtà  Gesù già «lo aveva detto chiaramente a Pietro»,
assicurandogli di pregare «perché la tua fede non venga meno». Inoltre Gesù
«prega per Lazzaro davanti alla tomba». E in questo «stesso discorso di congedo prega per tutti i
discepoli che verranno e che crederanno» in lui. «Non prega per il mondo ma prega per loro»,
dicendo appunto al Padre che la sua preghiera è «per coloro che tu mi hai dato, perché sono
tuoi». Dunque Gesù ci ricorda che «tutti noi siamo del Padre e lui prega per noi davanti al Padre».
A questo proposito san Paolo, «nel capitolo ottavo della Lettera ai Romani ci
dice che è una preghiera di intercessione». Così «oggi, mentre noi preghiamo qui, Gesù prega per
noi, prega per la sua Chiesa». E «l’apostolo Giovanni» ci rassicura che, quando pecchiamo,
comunque sappiamo di «avere un avvocato davanti al Padre: uno che prega per noi, ci difende
davanti al Padre, ci giustifica».
È importante «pensare tanto a questa verità, a questa realtà: in questo
momento Gesù sta pregando per me. Io posso andare avanti nella vita perché ho un avvocato che
mi difende. Se io sono colpevole, ho tanti peccati», Gesù «è un buon avvocato difensore e parlerà
al Padre di me».
E proprio «per sottolineare che lui è il primo avvocato, ci dice: Io vi invierò un altro paraclito, un
altro avvocato. Ma lui è il primo. E prega per me, nella preghiera di intercessione che oggi dopo
l’ascensione al cielo Gesù fa per ognuno di noi». Così come «quando noi in parrocchia, a casa, in
famiglia abbiamo alcune necessità, alcuni problemi, diciamo “prega per me”, lo stesso dobbiamo
dire a Gesù: “Signore Gesù, prega per me”».
E oggi come prega Gesù? «Io credo che non parla troppo col Padre: ama»  «Ma c’è una cosa che Gesù fa oggi, sono sicuro che la fa: fa vedere al
Padre le sue piaghe. E Gesù con le sue piaghe prega per noi. Come se dicesse: “Padre, questo è
il prezzo! Aiutali, proteggili, sono i tuoi figli che io ho salvato”».
Altrimenti «non si capisce perché Gesù dopo la risurrezione ha
avuto questo corpo glorioso, bellissimo: non c’erano i lividi, non c’erano le ferite della flagellazione,
tutto bello, ma c’erano le cinque piaghe». E «Gesù ha voluto portarle in cielo per pregare per noi,
per far vedere al Padre il prezzo», come a dire: «Questo è il prezzo, adesso non lasciarli da soli,
aiutali!».
«Noi dobbiamo avere questa fede che Gesù, in questo momento, intercede
davanti al Padre per noi, per ognuno di noi. E quando noi preghiamo chiediamo: Gesù aiutami,
Gesù dammi forza, risolvi questo problema, perdonami!». Pregare così,  «sta bene»,
ma allo stesso tempo non bisogna dimenticare di dire anche: «Gesù prega per me, fa vedere al
Padre le tue piaghe che sono anche le mie; sono le piaghe del mio peccato, sono le piaghe del
mio problema in questo momento». Così Gesù è l’«intercessore che soltanto fa vedere al Padre le
piaghe: questo succede oggi, in questo momento».

(Papa Francesco)